famme sape’


famme sape’

questa mia canzone è una cosa seria
piace alla Valeria e piace pure a me
piace a Salvatore anche se invidioso
invece io sono curioso di sapere
se piace pure a te
famme sape’ famme sape’
si piace a tte comme me piace a mme
famme sape’ famme sape’
sì t’è piaciuta pur’a tte
questa mia canzone figlia del progresso
porterà successo a chi la canterà
porterà fortuna anche alla tua amica
se poi le porta sfiga meglio a lei che a me
famme sape’ famme sape’
si ha purtato bbene a essa e a tte
famme sape’ famme sape’
si ha purtato bbene pur’a tte
famme sape’ famme sape’
sì l’ha truvato n’ato meglio ‘e me
famme sape’ famme sape’
si sta meglio cu’ isso che cu’mme
questo ritmo funky un po’ fuorimoda
lo riporto in voga ed esco fuori dai cliché
poi ci ballo sopra e scaccio la tristezza
ed ora via la timidezza cantate tutti insieme a me
famme sape’ famme sape’
si piace a tte comme me piace a mme
famme sape’ famme sape’
sì t’è piaciuta pur’a tte
famme sape’ famme sape’
la la la
famme sape’ famme sape’
io sono qui che aspetto
finalmente un bel colloquio, gente in gamba che decide
“lei è capace lei ci piace”, “sì ma come sono andato?”
“grazie,le faremo sapere”
e famme sape’ famme sape’
si primma o poi tocca pur’a mme
famme sape’ famme sape’
si quacche vota tocca pur’a mme
famme sape’ famme sape’
ma addò ‘o truvate n’ato meglio ‘e me
famme sape’ famme sape’
si sta meglio cu’ isso che cu’mme


come un diamante

sto provando anch’io a volare imitando un’ aquila
ed imparo ad imparare grazie alla curiosità
già l’ asfalto della strada mi ha insegnato a vivere
ed un albero mi ha detto che non serve correre
l’amarezza del mio sguardo l’ho rubata alle orchidee
e ho mandato i miei pensieri alla scuola delle idee
devo al lupo quella fame che non mi abbandona più
ma il sapore dei miei baci quello me l’hai dato tu
ma non vedi che finalmente sta passando il temporale
ho capito cosa fare
non ti accorgi che finalmente ho convinto pure il sole
mi ha giurato
che brillerò come un diamante se tu sarai accanto a me
ti cerco come un rabdomante sei la mia acqua il mio perché
mi ha trasmesso un usignolo la mia voglia di cantare
e i consigli quelli veri me li ha suggeriti il mare
se di notte con le stelle parlo un po’ di geometria
penso a te mi rendo conto che ho scoperto la poesia
e così passo i miei giorni sempre in buona compagnia
la chitarra e il pianoforte sono la mia terapia
faccio finta di distrarmi mentre penso sempre a te
tu non aspettare ancora corri presto qui da me
ma non vedi che finalmente sta passando il temporale
ho capito cosa fare
non ti accorgi che finalmente ho convinto pure il sole
mi ha giurato
che brillerò come un diamante se tu sarai tutta la vita accanto a me
ti cerco come un rabdomante sei la mia acqua il mio perché
e non cambiare il tuo tragitto e non cercare un’altra via
che sull’oroscopo c’è scritto che tu sarai per sempre mia


non è colpa mia

scusa se t’ho fatto piangere
non volevo farti del male
t’ho detto un milione di volte che
che non ti devi affezionare
lo so non è facile tenersi a distanza dalla mia fantasia
scusa ma se non ti amo non è colpa mia
scusa se t’ho fatto ridere
con il mio umorismo usato
che viene fuori puntuale
con la donna del momento sbagliato
non sai quante volte ho sperato di far ridere anche lei
lei che non rideva mai come facciamo noi
lei che non è accanto a me e invece tu ci sei
la verità
è che continuo a inseguire
chi mi continua a sfuggire
e nel mio inseguire ostinato fuggo da te
scusa se mentre ti canto io
mi immedesimo in Brunori
ma in fondo anche lui quando canta un pò
s’immedesima in De Gregori
e chissà in chi Francesco a sua volta s’immedesima, chissà
ma forse Brunori tutto questo non lo sa
e di sicuro tutto questo Alice non lo sa
la verità
è che non devo imitare
la verità
è che si deve inventare
la verità…
ma chi ci crede poi in fondo nella verità
scusa se t’ho fatto piangere
non volevo farti del male
t’ho detto un milione di volte che
che non ti devi innamorare
se certe carezze le ho fatte non è stata ipocrisia
scusa ma se non ti amo non è colpa mia
la verità
è che continuo a inciampare
nella verità
ma ora mi devo rialzare
la verità
devo imparare ad amare


che t’ho fatto

sono un ricercatore
coi baffi e con la lente
ricerco il nostro amore
ma non lo trovo più
lo cerco da due ore
non ho trovato niente
ed ora chi lo dice a mamma
ed ora chi lo dice alla gente?
ho scritto una canzone
la canticchiavi sempre
mi dici mascalzone
e non la canti più
m’hai regalato il fiore
col corpo e con la mente
ed ora poi mi dici che non te ne frega niente?
che t’ho fatto io non lo so
amore disinvolto
amore un po’ di vetro
adesso che si é rotto
non lo ripari più
volevo andare avanti
ma mi ritrovo indietro
ed ora come faccio a misurare
un giudizio senza metro?
io son sempre lo stesso
e tu sei sempre quella
allora che è successo
raccontamelo tu
ti parlo e sono dolce
come una caramella
ma poi quando sto solo non ho sonno
e vado avanti a camomilla
che t’ho fatto io non lo so
e i nostri giorni al sole
mi fanno ancora male
m’hai frantumato il cuore
come pasta di pane
tu eri la mia vita
ed io il cantautore
mi sento un po’ sbiadito
rivoglio il mio colore
pensavo fosse il tempo
la causa della noia
no, non c’è via di scampo


sono vivo e son qui

lo vedi che nasce, che torna e ricresce
questa voglia che era andata via
sembrava sparita, ormai dileguata
ma è tornata ad indicarmi la via
tentacoli neri, le ansie di ieri
mi stringevano tirandomi giù
poi oggi mi sveglio, ritorna il mio orgoglio
ma dov’era non lo trovavo più
forse era andato in fondo al mare
s’era nascosto dentro un fiore
una banale delusione
a volte fa precipitare
ma sono vivo e son qui
con il mio sguardo impertinente
son vivo e non ho
non ho paura più di niente
son vivo e son qui
uscito illeso dalle fiamme
ancora qui con me
lo vedi che nasce, che sboccia e ricresce
questo fiore che hai reciso tu
non erano veri quei brutti pensieri
se di colpo non compaiono più
sono affondati nel mio mare
sono abbagliati dal mio sole
come in un sogno ingannatore
vani ricordi da buttare
ma sono vivo e son qui…
e mi stai guardando intensamente
come non hai fatto mai
è inutile che insisti questa volta
non mi riconoscerai
oserai riconquistarmi
ma io resterò con me
ma sono vivo e son qui
con la mia musica vincente
ancora qui con me


e senza far rumore

e raccontami una bella storia
fammi ridere come sappiamo noi
oppure cantami una bella canzone
quella che mi dà tanta emozione
e portami dove c’è il sole
non vedi che qui piove
tu che abbagli col tuo splendore
io che m’impiglio nei miei fili d’amore
e senza far rumore
siamo in viaggio verso il mare
una chitarra, un posto al sole
e due nomi per sognare
e dedicami quattro note
perché possa cantarmi
nelle mie notti vuote
prima di addormentarmi
e dimmi che sarai al mio fianco
perché passerà il tempo
e soffierà anche il vento
ma il vento non si infilerà tra di noi
e senza far rumore
come neve candida che scende
come angeli che volano
come questo male che ci prende
e senza far rumore
noi e la nostra follia
come nel quadro di un pittore
torniamo già via


a me mi piacerebbe

a me mi piacerebbe lo so che non si dice
ma a me mi piacerebbe un mondo in controluce
svegliarmi presto al mattino per godermi l’alba
e dare un tocco di colore a questa vita scialba
poi pettinarmi con lo specchio, specchiarmi dentro un secchio,
di acqua una scodella di vino una cisterna
e poi indossare un bel vestito e andarmene a zappare
nei campi tanta gente, nelle città il mare
poi mi piacerebbe che tra noi si riprendesse a litigare
lo sappiamo fare litigare
per poi amarci ancor di più
e con i pollici all’insù
ci incamminassimo all’altare
col vestito bianco dall’altare
salutare e scappare via
a me mi piacerebbe lo so che non si dice
ma a me mi piacerebbe usare la vernice
per aiutare Margherita a colorare i muri
e fare in modo che la vita non abbia i vetri scuri
poi mi piacerebbe che tra noi si riprendesse a litigare
lo sappiamo fare litigare
per poi amarci ancor di più
e con i pollici all’insù
noi due tirassimo a campare
vada come vada a campare
accettando quel che viene tra di noi
poi mi piacerebbe che tra noi si riprendesse a litigare
per tenere vivo il nostro amore
e non dimenticare che
se stiamo insieme io e te
non è poi tutto da rifare
ma l’amore è pure pazientare
pazientare è pure costruire
costruire è pure inventare
accettando quello che succederà


come fate voi

io non mi stupisco più come fate voi
voi che credete ancora ai santi e agli eroi
voi ignari voi innocenti voi altruisti
voi che vi nascondete per non esser visti
io non mi lamento più come fate voi
che protestate ma non agite mai
poi siete gente tradizionale
lungimiranti come le cicale
ma se la mia voce che nuoce
non mi tradirà
griderò al mondo intero
che la falsità io l’ho vista già in voi
e se la fortuna poi mi bacerà
io mi alzerò su in volo
e come un falco da solo mi allontanerò
io non commento più come fate voi
voi dalle lingue come rasoi
voi comprensivi voi garbati voi buonisti
voi in buonafede come moralisti
voi che credete ancora alle promesse
e calpestate l’orgoglio e la dignità
voi date il meglio nelle grandi feste
in moltitudine, la moltitudine!
ma se la mia voce che nuoce
non mi tradirà
griderò al mondo intero
che la falsità io l’ho vista già in voi
e se la fortuna poi mi bacerà
io mi alzerò su in volo
e come un falco da solo mi allontanerò


già lontana da me

cosa c’è? sei tornata?
cosa vieni a fare qui?
già lo sai è finita
non guardarmi più così
con quell’aria stupita che fai
devi crescere ancora un po’
riconosco che a letto no
sei grande già
e poi pregami quanto vuoi
tanto non mi convincerai
non senti che
sei già lontana da me
ecco qua piangi pure
ma non mi sorprende più
quella faccia delusa
che sai fare bene tu
da bambina viziata che sei
devi crescere ancora un po’
solo quando tradisci no
sei grande già
piangi come sai fare tu
tanto ormai non funziona più
non senti che
sei già lontana da me


yawp!

io sarò uccello migratore
zingaro, viandante senza meta
entrerò nel quadro di un pittore
seguirò la mia stella cometa
fragile campana di cristallo
tenero pezzetto di grissino
pescherò un cuore di corallo
nuoterò nell’aria del mattino
e nel buio della notte io alzerò la vela
e nel buio della notte canterò a squarciagola
yawp!
gridare e conquistare come un barbaro
e vivere con l’aria di uno zingaro, senza dimora
yawp!
capire e superare i miei limiti
cantando assecondare le vertigini
dei miei tanti capelli che tanto non taglierò più
io sarò riflesso di colore
timido saltello di un pulcino
ballerò la danza delle ore
leggerò il libro del destino
non sarò mai voce dentro un coro
non sarò mai chicco in un granaio
scriverò la mappa del tesoro
troverò il mio ago nel pagliaio


lontano

lontano dalle cose che hai imparato
ci sono cose che non saprai mai
diversi dai paesaggi che hai guardato
spettacoli che non hai visto mai
lontano dalla terra che hai solcato
città che non hai visitato mai
distanti dai consigli che m’hai dato
pareri che non hai ascoltato mai
strade che non passano da qui
decise a proseguire verso Roma
gente che non parla come noi
eppure come noi disprezza o ama
lontano dalle guerre che hai sparato
le guerre no non finiranno mai
lontano dalle nuvole che hai visto
i cieli che non hai volato mai
lontano dalle cose che m’hai detto
parole che non hai trovato mai
fiumi che non passano da qui
ansiosi di sfociare dentro il mare
gente che non crede nel tuo dio
ma prega a modo suo e si fa ascoltare
lontano dalle guerre che hai sparato
le guerre no non finiranno mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *